Jump to content

La mia Mini Cooper Se


MF4
 Share

Recommended Posts

È 18 mm più alta ma ha il baricentro più basso di circa 30 mm, quindi esteticamente potrà sembrare pure un suv ma agli effetti pratici ha una maggiore tenuta di strada.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Vam ha scritto:

Più alta per contenere le batterie?

Si è questo il motivo, hanno mantenuto lo stesso telaio (piattaforma) ma hanno creato lo spazio alzandola; la batteria è una sorta di T dove il grosso è posizionato dove c’era il serbatoio carburante.

In questo modo hanno migliorato pure la distribuzione dei pesi.

 

67640AC3-1229-4929-9375-7ED124D75EEB.webp

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Dimenticavo... rispetto agli originali pesano meno, in particolare 11,3kg gli originali e 8,6kg gli Autec con un risparmio quindi di 2,7kg a cerchio. 😀

 

Non è il modello più estremo, la stessa Autec ha un altro modello ancora più leggero, il ClubRacing con solo 7,7kg di peso 😅 ma il disegno mi piaceva meno.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Sono molto belli!

Gli originali, in generale, sono cerchi solitamente più pesanti e per scendere sotto la doppia cifra bisogna affidarsi a cerchi aftermarket, che spesso sono migliori e spesso, sono cerchi già utilizzati dalle case e marchiati dalle case, come è normale che sia. Penso ai Mak che equipaggiano alcuni modelli di auto ex FCA e sono marchiati Mopar.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Vam ha scritto:

Sono molto belli!

Gli originali, in generale, sono cerchi solitamente più pesanti e per scendere sotto la doppia cifra bisogna affidarsi a cerchi aftermarket, che spesso sono migliori e spesso, sono cerchi già utilizzati dalle case e marchiati dalle case, come è normale che sia. Penso ai Mak che equipaggiano alcuni modelli di auto ex FCA e sono marchiati Mopar.

 

Grazie Vam 😄

 

1 ora fa, Fuoco93 ha scritto:

Sobria ma cattivella 😄
 

Come ti stai trovando con l' uso quotidiano e l' autonomia?

 

Mi trovo benissimo e non penso proprio di tornare indietro su un motore endotermico! 😀

 

Come avevo detto in precedenza, io percorro circa 70km al giorno per cui l'autonomia a disposizione è più che sufficiente per l'uso quotidiano e per eventuali imprevisti che possono capitare.

La macchina la ricarico a casa lentamente durante la notte e la mattina è carica e bella calda per partire; la carica lenta al minimo permette di non stressare la batteria e di ricaricarla gradualmente in modo da preservarla più a lungo.

 

Ci sono molti preconcetti sbagliati sul discorso della ricarica, molto spesso derivano dal fatto che la gente parla senza avere nessuna esperienza in merito; la batteria di una macchina elettrica dotata di frenata rigenerativa, è sottoposta nell'uso quotidiano a continui cicli di carica e scarica ed i valori di ricarica (indicati nella strumentazione) possono arrivare a toccare anche i 70kW di picco, quindi pensate che 1,4kW erogati lentamente dal caricatore di casa possano essere più pericolosi di 70kW erogati tutti insieme in pochi secondi?

 

La paranoia dell'autonomia è qualcosa che si ha all'inizio e che deriva dalle esperienze che ci portiamo dietro dall'uso delle macchine a motore endotermico, ma poi con l'uso e con la conoscenza di questo nuovo modo di viaggiare e di vivere la mobilità, diventa un problema marginale o relegato solo a viaggi a lungo raggio dove un minimo di programmazione è richiesta.

 

Tornando al discorso uso quotidiano, la macchina è piacevolissima da guidare sa essere molto comoda (zero vibrazioni, zero rumori..) ma all'occorrente e sin da subito, hai tutta la potenza disponibile (184cv) per effettuare un sorpasso in tempi brevissimi e in tutta sicurezza.

 

Comunque il massimo del divertimento lo si ha sulle strade in salita di montagna dove tra curvoni e tornanti è sempre in coppia e pronta schizzare via! 😄

 

Non sempre avere poca batteria è uno svantaggio, nel caso della MINI una batteria piccola permette di non avere tanto peso in più da portarsi dietro a tutto vantaggio delle prestazioni e poi anche ricaricare una batteria piccola da quasi 29Kwh con la colonnine fast che erogano 50kW all'ora significa ricaricarla in 40 minuti.

 

Sul discorso costi di gestione, tagliandi, bollo e benefit extra, già ne ho parlato proprio in questa discussione.

Edited by MF4
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Mi fai venire la voglia di comprare elettrico, davvero e, visto che la strada sembra ormai segnata perché no? Per quanto mi riguarda, per l’uso che faccio io dell’auto, long range autostradali, praticamente sempre e solo nei w.e. con tutta la famiglia, non è ancora ora e l’ibrido plug-in, non facendo praticamente città se non per uscire in autostrada, sprecato ed anzi non adatto. Appena arriveranno elettriche da 600/700km di autonomia reali (Tesla non la digerisco proprio, anche nel prezzo) , per quanto serve a me, ben volentieri.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Vam ha scritto:

Mi fai venire la voglia di comprare elettrico, davvero e, visto che la strada sembra ormai segnata perché no? Per quanto mi riguarda, per l’uso che faccio io dell’auto, long range autostradali, praticamente sempre e solo nei w.e. con tutta la famiglia, non è ancora ora e l’ibrido plug-in, non facendo praticamente città se non per uscire in autostrada, sprecato ed anzi non adatto. Appena arriveranno elettriche da 600/700km di autonomia reali (Tesla non la digerisco proprio, anche nel prezzo) , per quanto serve a me, ben volentieri.

 

Non ne sono sicuro che sia già così segnata, ma non è questa la discussione adatta per parlarne.

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, cippy ha scritto:

 

Non ne sono sicuro che sia già così segnata, ma non è questa la discussione adatta per parlarne.


Sì sono d’accordo. Sarebbe interessante parlarne in un 3d dedicato. 👍🏻

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...
Posted (edited)

Dopo un po’ di tempo passato ecco qualche altro upgrade estetico e tecnico fatto:

- Bonnet stripes 

- Centralina multimediale NBT Evo

- Controller Touch

- Molle Eibach 

 

7C1E506A-E1B7-442F-914A-A88D4567D24D.jpeg

86A6A7B1-7D23-4C94-97EC-61132B7E60E1.jpeg

532BB99A-BF22-4484-BB35-2CCEBC51E4E9.jpeg

77FB7F54-9F3A-4AD7-BEF8-0F10171448CB.jpeg

E6DD2313-17B7-43DB-BC62-C1F90D1E97FD.jpeg

Edited by MF4
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...

Sì molte, sinceramente non mi aspettavo un miglioramento così evidente sia del piacere di viaggiare che dei risparmi complessivi!

È stata una scelta che sembrava azzardata a detta di molti e invece, dopo appena 9 mesi, con i risparmi ho già messo da parte una bella somma per potermi andare a fare una bella vacanza, dimmi te se non sono contento.. 😁

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, MF4 ha scritto:

Sì molte, sinceramente non mi aspettavo un miglioramento così evidente sia del piacere di viaggiare che dei risparmi complessivi!

È stata una scelta che sembrava azzardata a detta di molti e invece, dopo appena 9 mesi, con i risparmi ho già messo da parte una bella somma per potermi andare a fare una bella vacanza, dimmi te se non sono contento.. 😁

 

Su che autonomia media ti stai attestando ora? Con il caldo di queste settimane noti differenze (penso al fatto di avere l' A/C a canna tutto il tempo, per sempio...dovrebbe mangiare parecchia batteria)

Link to comment
Share on other sites

Con clima acceso, andatura normale in mid e temperature oltre i 30*C l’autonomia media è scesa a circa 170km, poi se sto più attento si riesce anche a fare meglio.

In pratica il consumo medio è circa 17,2kWh/100km

Con temperature più basse della mattina, l’altra settimana ho provato a testare i consumi nel tragitto casa-lavoro e con una guida attenta sono riuscito a consumare 10,5kWh/100km che su 28km sono stati poco meno di 3kWh (*0,50€ di spesa).

*Il costo medio del kWh a casa è di 0,17€.

Da notare che con un consumo di 10,5 l’autonomia della MINI arriva anche a 275km.
 

78DE0C2A-4930-4968-BEB5-7B84CE714D94.jpeg

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Per completezza ecco anche i consumi nel viaggio di ritorno sempre con guida attenta e per guida attenta non intendo da “nonnetto” ma una guida che sa sfruttare la frenata rigenerativa della macchina, infatti non ho toccato mai i freni è bastato dosare l’acceleratore.

 

2A2CC741-67D1-41CA-9285-E0D9D16D6F1C.jpeg

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

Grazie, è sempre interessante “capire” questa nuova propulsione. È anche un modo differente di guidare.

Link to comment
Share on other sites

È tutto molto bello,

ma a mio parere, quando le macchine elettriche si diffonderanno maggiormente, bisognera capire su come produrre la corrente elettrica (in modo green)  necessaria per soddisfare tutto il fabbisogno.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Guarda che già da adesso si è arrivati ad oltre il 40% di energia da fonti rinnovabili, basterà incrementare questo valore e rendersi veramente autosufficienti.

Spagna e Portogallo sono sulla buona strada in questo campo e infatti sono i paesi che hanno risentito meno di tutti della crisi energetica non vedo perché non dovremmo sfruttare anche noi questa opportunità.

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...