Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'r50'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Blogs

  • MINI people
  • Competition
  • Tounig Kit
  • Events
  • Lancio nuovi modelli
  • Edizioni speciali
  • Film
  • Concept

Forums

  • GENERAL MINI
    • Info generali
    • Novità dalla concessionaria
    • New megaMINI DRIVERS
    • Raduni
    • Concorsi
    • Convenzioni
  • LE CAFFE' MINI
    • Magazine
    • Del più e del meno
    • MINI ritratto
    • Video MINIa
    • MINIsti on tour
    • Fashion MINI
  • MINI GARAGE
    • MINI CLASSIC
    • R50 R52 R53
    • R55 - R56 - R57 - R58 - R59
    • R60 - R61
    • F54 - F55 - F56 - F57
    • F60
    • Gomme
    • Cerchi
    • Cura & Manutenzione
    • Navigatori & palmari
    • Tutorial
    • Video Tutorial
  • Il MINI market
    • Vendo
    • Compro
    • Scambio
    • Aste e-bay

Product Groups

  • Tesseramento Club
  • Tesseramento Club
  • Tesseramento Club
  • Vecchie iscrizioni
  • Pratiche
  • Raduni
  • Stickers
  • T-Shirt
  • Christmas

Categories

  • MkI MkII MkIII MkIV MkV
  • R55 R56 R57
  • R50 R52 R53
  • I stay home
  • Varie

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


MINI


Interests

  1. Nei primi anni 2000, la Carrozzeria Castagna, ha realizzato delle MINI molto particolari, anticipando addirittura di qualche anno la prima MINI Clubman moderna del 2007... Questa carrozzeria è nata nel 1849, e nel ventunesimo secolo sono ancora l’unico atelier automobilistico al mondo che produce più di 30 pezzi unici all’anno regolarmente omologati per tutti i paesi del mondo. In questo articolo verranno presentati 4 modelli principali che potevano essere ordinati, tutti basati sulla prima generazione della MINI moderna... Era possibile avere la versione station wagon della MINI, la versione spiaggina, quella pick-up e quella accorciata, ognuna di essere veniva presentata con il tempo di attesa richiesto per la realizzazione stessa. Esisteva anche una versione ibrida, ma non si hanno molte informazioni a riguardo, a parte che con una carica della batteria si potevano percorrere circa 200km, e che la velocità massima in elettrico era di 140kmh, inoltre era possibile caricare la batteria con il motore termico della MINI. SOWAGON CROSSUP TENDER WOODY WAGON ONE - OFF
  2. Buongiorno ragazzi, sono disperato. (Come spesso accade con problemi auto) Ahahah. La faccio breve, sulla mia One D R50 Park Lane ho il clima automatico. Quando accendo il clima e parte il compressore, l'auto dopo non molto, si spegne. So che detta così è difficile capire cosa può essere, ma magari è capitato a qualcuno di voi e può aiutarmi a capire dov'è il problema. Il compressore è stato cambiato con uno usato l'anno scorso e ha funzionato senza problemi. Il gas è stato riempito da poco (poco più di un mese fa) e sia prima che dopo aver fatto il pieno di gas, il problema persiste. Anche se al momento non mi serve l'aria condizionata con l'arrivo delle temperature fredde, vorrei risolvere quanto prima il problema dopo che quest'estate ho dovuto affrontare 2 volte 800km senza aria condizionata con finestrini semi aperti a velocità autostradale. Grazie in anticipo.
  3. Gabry

    JCW Kit motore (R50)

    La messa a punto della BMW MINI di John Cooper iniziò con la R50. John Cooper Garages annunciò il suo kit di messa a punto per la R50, che aumentò la potenza della Cooper a 126 CV, il kit consisteva in: Testata migliorata: sono stati migliorati i condotti di scarico rispetto a quella di serie. Sistema di scarico cat-back JCW con terminale cromato Sostituzione del filtro dell'aria ECU rimappata Copertura decorativa JCW per la parte superiore del motore Badge esterno decorativo Sidescuttles JCW Certificato di autenticità Ci sono alcune cose da osservare per determinare se il kit John Cooper Works autentico: Il certificato John Cooper Works, Si tratta di un foglio di carta A4 o A5 che è stato dato al proprietario con il VIN dell'auto, e con il seriale del kit. Il badge JCW sul posteriore (alcuni potrebbero averlo rimosso) Il terminalino di scarico, dovrebbe avere inciso JCW al suo interno Il coperchio JCW nella parte alta del motore, su questo dovrebbe essere impresso un numero (ad esempio 525 o 5 senza alcuna lettera stampata che lo preceda, a differenza del kit audio o dei kit S JCW) Il punto rosso o verde sulla testata (nella stessa area dovrebbe esserci anche un numero di serie sul bordo inferiore della testata, appena sopra il punto in cui si accoppia con il blocco, o appena sopra la posizione del punto colorato. L'ultimo controllo da fare è rimuovere la ECU e controllare che ci sia attaccato un adesivo, che è la prova che la centralina è stata aggiornata col nuovo software. Un pallno di colore verde vicino al numero punzonato sulla testata.
  4. Come è nata la MINI moderna? L'idea di una MINI moderna circolava già dalla fine degli anni '60. Ma il fascino della MINI e il successivo successo di vendite la mantennero in produzione per due decenni in più rispetto a quanto originariamente previsto. Tuttavia, le varie aziende sostenute dal governo che hanno prodotto la MINI nel corso degli anni hanno avuto meno successo dal punto di vista commerciale. Infatti British Leyland, Rover, ecc... tentarono più di una volta di uccidere la MINI (prima per evitare di convertire il motore alla benzina senza piombo, poi per evitare di aumentare i requisiti di sicurezza) ma l'opinione pubblica inglese fu troppo negativa. Quindi, quando la BMW acquistò la Rover e la MINI le speranze per il suo futuro aumentarono. Una delle proposte originali di design MINI: la "Spiritual" guidata da Oliver Le Grice Ecco un estratto da un resoconto di questo periodo di Julian Rendell (tratto da un articolo originariamente pubblicato su Autocar ) che ci offre una buona panoramica del processo di progettazione e dell'ambiente dell'epoca: Nonostante la proclamazione dell'amministratore delegato della BMW secondo cui alla Rover sarebbe stato permesso di portare avanti l'attività di sviluppo della R59 (come veniva chiamata nei primi anni), anche in Germania gli stilisti lavoravano intensamente alle proposte stilistiche per la nuova vettura. BMW e Rover però avevano 2 visioni diverse... Com'era prevedibile, Rover voleva produrre un'auto per sostituire la MINI di Issigonis, il compiti era stato affidato a David Saddington, appena promosso al ruolo di direttore del design MG e MINI, dopo il suo lavoro di successo sulla R3 era ansioso di seguire le orme di Issigonis. Con questo in mente, la squadra di Saddington ha lavorato su una MINI a quattro posti lunga 3 metri. Sicuramente David Woodhouse e Oliver Le Grice, un altro designer che lavorò al progetto del 1993, guardavano con piacere alla prospettiva di lavorare su un progetto così importante, ma erano consapevoli del fatto che la nuova MINI doveva essere o un'auto economica, una un'auto da spettacolo o un'icona della moda. Cercare di essere tutti e tre in un pacchetto completamente nuovo, secondo loro, non avrebbe funzionato. La BMW, invece, sotto Chris Bangle, stava elaborando idee completamente diverse: sia a Monaco che negli studi di stile BMW in California, stava emergendo una nuova MINI-Cooper. Chris Bangle ha affermato che "abbiamo ritenuto ingiusto mettere la nuova MINI all'ombra di quella vecchia", il che significa che la sua idea di sostituzione non sarebbe stata un auto lunga 3 metri, ma un'auto che si limitasse a ricordarla. Il pensiero della BMW, quindi, era che la nuova vettura dovesse essere la nuova MINI Cooper e non un aggiornamento della vecchia. Lo sviluppo della MINI è proseguito in Germania con questo obiettivo ma i designer si sono posti questa domanda: "se la MINI Cooper fosse stata sottoposta nel corso degli anni ad un programma di sviluppo continuo, come la Porsche 911, come sarebbe stata oggi?" E questo era il problema nel suo complesso: la Rover voleva un'auto economica, mentre la BMW voleva una piccola auto sportiva. Il 1995 fu l'anno cruciale per il progetto R59 e nell'estate di quell'anno, durante un giro di valutazione da parte della direzione della Rover, mostrò la sua idea per la nuova MINI. Tecnicamente, ha seguito il percorso prevedibile (e alcuni direbbero corretto) del motore della Serie K, dei sottotelai e delle sospensioni Hydrolastic, ma la BMW a Monaco stava escogitando un'alternativa, che comprendeva un asse Z nella parte posteriore (multilink) e un McPherson davanti. Con il passare dell'anno ed entrambi i team continuarono a sviluppare le proprie versioni della MINI, divenne ovvio che molto presto la BMW avrebbe dovuto abbandonare le idee di uno degli uffici di progettazione e dare tutto il proprio impegno su un altro. La data in cui sarebbe stata presa questa decisione era il 15 ottobre 1995, quando i designer Rover e BMW si incontrarono all'Heritage Motor Center per presentare le loro proposte rivali in scala reale. La Rover ha portato tre auto all'incontro, non è noto quante auto BMW abbia portato con sé, anche se si pensa che fossero tra le tre e le sei automobili. Lo sviluppo di alcuni concetti Rover era avvenuto indipendentemente dalla BMW, che aveva creato quella che sarebbe poi diventata la E50 e poi la R50: la nuova MINI. Ecco un altro estratto, questa volta dal libro “New MINI” di Graham Robson, che ci offre una prospettiva leggermente diversa di questo periodo di tempo: “Già nel 1994, i designer su entrambe le sponde del canale rispolverarono i loro schizzi di auto in miniatura e iniziarono a trasformarli in modelli, sia in scala che a grandezza naturale. Sebbene nessuno dei due sapesse che l'altro stava portando avanti progetti rivali, Fave Saddington si occupò del lavoro MINI a Gaydon, mentre Frank Stephenson (un cittadino americano con molta esperienza presso GM e Ford prima di unirsi alla BMW nel 1991) andò avanti a Monaco. Ciononostante, fu solo in una data fondamentale – martedì 17 ottobre 1995 – che le due squadre si affrontarono, quando le rispettive offerte furono mostrate ai direttori della BMW durante una presentazione e visione in un incontro top-secret al BMIHT Heritage a Gaydon. Sapendo che l'integrità del marchio MINI doveva essere preservata a tutti i costi, entrambi i team – britannico e tedesco – avevano pensato in termini di evoluzione. Dopo il 1959 la MINI, come stile, non aveva fatto alcun progresso, quindi avevano pensato a varie evoluzioni che avrebbe potuto subire la MINI durante la sua produzione. Entrambe le squadre, quindi, hanno provato a pensare sulla stessa linea. Cosa sarebbe potuto accadere, come sarebbe potuto accadere e come dovrebbe essere una MINI di quarta o quinta generazione? I due concetti emersi dal lato Rover del team di progettazione sono stati lo Spiritual e lo Spiritual2. I due prototipi spirituali rappresentavano un allontanamento molto più radicale dal progetto che alla fine ebbe la meglio. Hanno cercato di essere rivoluzionari negli anni '90 come lo era la MINI alla fine degli anni '50. I progettisti hanno cercato di immaginare un futuro con più automobili, più persone, meno spazio e carburante più costoso. In un certo senso hanno cercato di spingere un po' più in là le stesse circostanze che hanno portato alla MINI originale. In una delle deviazioni più radicali in termini di design MINI originale, la Spiritual prevedeva un motore a tre cilindri piatto situato sotto i sedili posteriori che guidava le ruote posteriori. Il comunicato stampa della Rover all'epoca definì la Spiritual 2 "un'auto familiare a quattro posti realizzata in un pacchetto di soli 3,1 metri"(la stessa lunghezza della MINI originale e molto più corta della MINI BMW), È interessante notare che anche il comunicato stampa che accompagnavano i prototipi al momento del rilascio affermavano che non sarebbero mai stati realmente pensati per essere la “nuova MINI”. Dovevano essere semplicemente “un approccio di libero pensiero alle sfide a lungo termine di una generazione futura”. Naturalmente ora sappiamo che si trattava effettivamente di proposte per la prossima MINI. In effetti, il team di progettazione della Rover lasciò la riunione del 17 ottobre con speranze relativamente alte che il loro progetto venisse scelto. Ecco un altro estratto dal libro di Robson: Naturalmente l'auto che alla fine venne scelta era quella disegnata da Frank Stephenson e che tutti conosciamo molto bene. Guardando il prototipo ACV 30 (articolo presente su questo magazine) e quella che sarebbe diventata la futura nuova MINI, non si può fare a meno di avere la sensazione che le grandi menti la pensino allo stesso modo. Il design degli interni divenne chiaramente un punto di ispirazione per la R50 e per tutte le MINI successive. Se visti con il beneficio del tempo trascorso sono certamente concetti interessanti. Tuttavia, penso sia giusto dire che nessuno dei prototipi avrebbe avuto tanto successo nel mercato odierno quanto l'attuale MINI.
  5. Ciao a tutti, oggi nel 2023, con tutte le novità che sono arrivate nel mondo MINI e quelle che arriveranno nel 2024 ci vogliamo fermare e guardare al passato, perché abbiamo notato che ultimamente le “vecchie” MINI R50, R53, e R52 stanno diventando auto sempre più richieste, i prezzi di mercato sono leggermente aumentati, incominciano ad avere circa 20 anni e quindi sono diventate delle YOUNGTIMER! Fino ad ora sono ancora auto per tutte le tasche, si parte da circa 2000 per una R50 Cooper fino ai 3.500 Euro per esemplari migliori e in condizioni originali, si sale di livello per le R53 Cooper S, arrivando anche a circa 5-6.000 Euro per quelle in buone condizioni, più alte ancora sono le valutazioni per le R53 JCW e le GP (ma li sono praticamente delle auto da corsa con la targa). Un altro suggerimento che possiamo darvi è quello di scegliere tra una di queste, una versione speciale o commemorativa come la “Seven”, “Checkmate”, “ParkLane”, “SideWalk”, oppure potreste prenderne una e fare una replica fedelissima di una delle 3 MINI del film “The Italian Job” del 2003. Un bell’aiuto ci viene incontro anche dall’Italia, perché in alcune regioni è possibile iscrivere al registro ASI (auto storiche italiane) anche le auto con 20 anni di età, e di conseguenza ricevere dei vantaggi economici come assicurazione e bollo ridotti. Non vogliamo illudere nessuno dicendo che sono auto che si rivaluteranno in maniera esponenziale , è ancora troppo presto! ma crediamo che investire cifre di questo ordine in una di queste MINI sia una buona idea, anche perché oltre ad investire del denaro, e avere un icona in garage, si porta a casa anche un auto superdivertente che vi stamperà un sorriso sulla faccia ogni volta che la guiderete, e che potrete customizzarla all'infinito grazie agli accessori originali MINI che potrebbero aumentarne addirittura il valore in alcuni casi. D’altronde se la MINI esiste ancora oggi è anche grazie a questa prima reincarnazione BMW che mescolando la tradizione con l’innovazione è riuscita a conquistare gli automobilisti per la seconda volta.
  6. La storia di questo motore ha inizio nel 1997, quando il colosso automobilistico statunitense Chrysler e la britannica Rover, all'epoca di proprietà della BMW, diedero inizio ad una joint-venture volta alla realizzazione di un motore di dimensioni contenute che andasse ad equipaggiare alcuni modelli dei due gruppi. A tale scopo venne costruito uno stabilimento in Brasile, precisamente a Curitiba. Il motore Tritec è imparentato con il 2 litri utilizzato sulla Chrysler Neon, ma è di dimensioni più contenute. Le tre varianti in cui è previsto sono infatti un 1.4, un 1.6 ed un 1.6 con compressore volumetrico. La produzione del motore Tritec è partita nel settembre 1999. Caratteristiche Il motore Tritec è un 4 cilindri in linea con blocco motore in ghisa e testa cilindri in lega di alluminio con distribuzione ad un solo albero a camme in testa, ma con testata a 4 valvole per cilindro. Le valvole sono mosse dall'albero a camme per mezzo di punterie idrauliche e bilancieri. La centralina utilizzata è in tutti i casi una Siemens EMS 2000, che tra l'altro va a governare il corpo farfallato a controllo elettronico e l'iniezione di tipo multipoint. Di seguito vengono illustrate le caratteristiche delle 2 versioni montate sulle MINI di prima generazione. Tritec 1.6 litri aspirato Questa versione è una variante a corsa allungata del Tritec 1.4. Fermo restando l'alesaggio a 77 mm, la corsa è stata fatta passare da 75 ad 85.8 mm. La cilindrata totale è quindi salita a 1598 cc. Questo motore è stato proposto in due varianti di potenza e coppia. La prima variante eroga 90 CV a 5500 giri/min, con una coppia massima di 140 N·m a 3000 giri/min ed è stata montata su MINI One per tutti i mercati tranne quello greco e quello portoghese. La seconda variante eroga invece 116 CV a 6000 giri/min e 149 N·m a 4500 giri/min. è stata montata sulla MINI Cooper; Tritec 1.6 SC (Supercharged) Questa versione è la variante sovralimentata della precedente: la sovralimentazione avviene tramite l'impiego di un compressore volumetrico Eaton M45. Inizialmente la potenza massima era di 163 CV a 6000 giri/min, con un picco di coppia di 210 N·m a 4000 giri/min. Successivamente, a partire dal 2004, tale motore ha beneficiato di un leggero incremento di potenza, raggiungendo i 170 CV a 6000 giri/min, mentre la coppia massima ha raggiunto i 220 N·m. Tale motore è stato montato sulla MINI Cooper S prodotta tra il 2002 ed il 2006. Nel 2003 tale motore si è piazzato al primo posto nella categoria 1.4-1.8 litri nell'International Engine of the Year. Nel 2005 si è piazzato tra i primi 10 migliori motori in circolazione.
  7. Gabry

    The Italian Job (2003)

    Il film "The Italian Job" è un classico del genere heist movie che mescola azione, avventura e suspence. Prodotto nel 2003, il remake di un film omonimo del 1969, è una delle pellicole più famose del regista F. Gary Gray. Il film racconta la storia di un gruppo di rapinatori guidato dal carismatico Charlie Croker (interpretato da Mark Wahlberg), che pianifica un audace colpo in pieno centro a Venezia. Dopo una mirabolante fuga a bordo di MINI Cooper, il team si riunisce negli Stati Uniti per cercare vendetta e recuperare il bottino rubato. Una delle caratteristiche più iconiche e riconoscibili del film è l'uso delle MINI Cooper come veicoli principali durante le scene di inseguimento. Le auto, piccole e maneggevoli, si rivelano la scelta perfetta per attraversare le strade strette e tortuose di Venezia, sfuggendo alle autorità e ai rivali. L'azione spettacolare e gli inseguimenti mozzafiato sono incredibili da vedere e tengono lo spettatore incollato allo schermo. Le abilità di guida acrobatica e la capacità di manovrare le MINI Cooper attraverso situazioni di pericolo imminente conferiscono al film un'energia unica. Oltre all'action movie, "The Italian Job" è anche un film che affronta temi come l'amicizia, la fiducia e il desiderio di vendetta. I personaggi, interpretati da un cast di attori talentuosi come Charlize Theron, Edward Norton e Jason Statham, sono ben caratterizzati e creano delle dinamiche interessanti. La sceneggiatura è ben strutturata, con una storia che si sviluppa in modo coerente e un ritmo incalzante che tiene lo spettatore sulle spine fino alla fine. Le location, da Venezia a Los Angeles, offrono uno sfondo suggestivo e amplificano l'atmosfera di tensione. Le MINI presenti all'interno del film sono 4 (anche se nella realtà ne sono state utilizzate molte di piu, pensate che avevano anche una carrozzeria aperta 24h/24h per aggiustare le MINI reduci dei vari stunt, e che gli attori prima di incominciare le riprese hanno dovuto frequentare un corso di guida sportiva). MINI Cooper S R53, rossa, tetto bianco e bonnet stripes bianche, fanalini rally, bodykit jcw, cerchi cross spoke 17" MINI Cooper R50, blue, tetto bianco e bonnet stripes bianche, fanalini rally, bodykit jcw, cerchi cross spoke 17" MINI Cooper R50, bianca, tetto nero e bonnet stripes nere, fanalini rally, bodykit jcw, cerchi cross spoke 17" MINI MK7 rossa, tetto bianco e bonnet stripes bianche, 4 fanalini rally, cerchi da 13" "The Italian Job" è un film che ha ottenuto un grande successo al botteghino grazie alla sua miscela di azione, intrigo e caratterizzazione dei personaggi. Se sei appassionato di film d'azione e ti piacciono le automobili, questo è un film che non puoi perdere. Le MINI Cooper, con la loro versatilità e agilità, hanno da allora conquistato un posto speciale nel cuore degli appassionati di automobili, diventando un'icona della moda e del design italiano. In conclusione, "The Italian Job" è un film che intrattiene e appassiona lo spettatore grazie al suo mix di azione, avventura e umorismo. Le MINI Cooper, protagoniste indiscusse del film, hanno reso la pellicola ancora più memorabile. Quindi, se non l'hai ancora visto, abbandona ogni dubbio e preparati a un'esperienza ricca di adrenalina e divertimento.
  8. Quasi venti anni prima che MINI avesse cominciato a vendere le MINI Cooper SE, la casa automobilistica britannica si era già occupata di mobilità elettrica! Se ricordate l'iconico remake del 2003 The Italian Job derivante dal film originale del 1969 vi verranno certamente in mente le scene con le MINI che si lanciano all'interno della metropolitana di Los Angeles. Ebbene, ogni singolo esemplare che si è avventurato in questo posto non montava affatto un motore termico, bensì un'unità elettrica. A quanto pare la produzione è stata costretta ad elettrificare le 3 MINI perché la città di Los Angeles non voleva in alcun modo ammettere veicoli con motore termico all'interno dei tunnel della metropolitana per ragioni di sicurezza. In base a quanto riportato dal regista F. Gary Gray, ha commentato in questo modo la vicenda: "Non ci hanno permesso di girare nei tunnel con auto con motori a combustione. Così mi son detto, ok, ottimo, ci faremo dare delle MINI elettriche e andrà alla grande, Il problema è che BMW ci ha riferito che non esistevano MINI elettriche. A quel punto Gray non si fece assolutamente scoraggiare: "John Carpenter, coordinatore della logistica, fece un grande lavoro ingegneristico e costruttivo per realizzare un trio di MINI elettriche. Erano le uniche MINI elettriche esistenti sulla faccia della Terra! Si tratta di uno dei miei momenti preferiti proprio per le dimensioni delle MINI. Intendo dire, non è possibile immaginarsi altre vetture che fanno stunt al di fuori delle MINI!" Ed è così che venne realizzata la sequenza della fuga tramite la metropolitana della città di Los Angeles.
  9. L'inizio documentato della produzione della BMW MINI risale al 26 aprile 2001, esattamente 500 mesi dopo che la MINI originale è stata lanciata al pubblico il 26 agosto 1959. Tuttavia, lo stabilimento di Cowley (UK) era già impegnato nella produzione delle MINI molto prima. La prima MINI è stata una Cooper con cambio automatico, guida a destra, VIN TE00002. è stata costruita l'11 settembre 2000, però stranamente ha una data di costruzione di 3 giorni dopo, il 14 settembre 2000! La settimana successiva furono prodotte le prime Cooper e ONE manuali. Ci sono molte storie riguardanti il fatto che molte MINI classiche originali del 1959 siano state veramente costruite a mano e che siano state registrate una settimana dopo la loro effettiva costruzione. I dati e le prove riguardanti le MINI-BMW suggeriscono che molte delle prime R50 trascorsero alcune settimane nella fabbrica di Cowley, probabilmente a causa di un processo di costruzione molto più manuale rispetto alle MINI prodotte in serie che le seguirono. Anche se con qualche differenza rispetto a quello delle MINI classiche, è chiaro che questo processo di costruzione, adattamento e miglioramento esisteva ancora con le MINI moderne. La produzione di queste prime auto è continuata lentamente fino alla fine di marzo 2001. Poi, verso la fine di marzo e fino ad aprile, ne sono state costruite sempre di più. In totale sono state costruite 211 MINI prima della data ufficiale di inizio della produzione del 26 aprile 2001. QUINDI, COSA NE È STATO DI QUESTE PRIME AUTO? Sappiamo che alcune delle primissime Cooper sono state utilizzate da John Cooper Garages per sviluppare le MINI Cooper Works. (potete trovare l’articolo sempre su questo sito web) Alcune hanno trascorso i primi anni di vita nello stabilimento e sono state utilizzate dal personale per spostarsi intorno al sito. Sorprendentemente, però, molte di loro sono sopravvissute e sono diventate auto per la stampa, auto di servizio o auto dimostrative nei concessionari. AUTOMOBILI PER LA STAMPA Le macchine della stampa, quasi tutte, hanno una cosa in comune. Hanno tutte le lettere Y e OBL nella targa. In totale c'erano 135 OBL di cui 70 con date di costruzione pre-produzione, il resto era costituito da MINI di primissima produzione, molte delle quali sarebbero state costruite prima della loro data di costruzione ufficiale che crediamo sia assegnata proprio alla fine della produzione dell'auto e non quando entrava in linea di montaggio. Esistono però delle eccezioni, ci sono 5 auto YBL e 1 NBL che si ritiene siano state auto della stampa o della sede centrale MINI. Qualsiasi MINI con l’immatricolazione Y può essere considerata una delle prime auto e molte di queste condividono le caratteristiche di pre-produzione delle auto OBL. Con circa 730 MINI registrate con targa Y (prima della modifica del sistema di immatricolazione), le “Y Reg MINI” sono veramente pochissime! Si ritiene che le MINI che non abbiano ricevuto la targa dalla sede centrale MINI siano quelle destinate ai rivenditori. Nel 2019 circa 400 “Y Reg MINI” sono ancora auto di proprietà, quindi non demolite CARATTERISTICHE CHE LE RENDONO SPECIALI Oltre al numero di targa, queste prime auto presentano anche altri “segni di pre-produzione”. I sedili, ad esempio, delle primissime auto sono diversi in quanto presentano una cresta al centro. Questo è presente nelle foto delle primissime brochure dei rivenditori dell'epoca ma questa caratteristica sembra essere presente solo per un numero limitato di settimane, perché la stragrande maggioranza delle MINI è priva di questa caratteristica. Sugli adesivi presenti sui componenti, che venivano attaccati dal reparto controllo qualità (si trovano sui pannelli interni e sui sedili e all'interno delle auto) si possono trovare sia i loghi Rover che BMW. QUINDI, PERCHÉ LE “Y OBL MINI” SONO CONSIDERATE MOLTO PREZIOSE? Non c'è dubbio sul fatto che una MINI OBL, in particolare una Cooper rossa, attiri molta attenzione ogni volta che viene messa in vendita. Qualsiasi “MINI Y OBL” gode di un prezzo più alto rispetto ad altre MINI della stessa età. Abbiamo visto auto vendute pochi minuti dopo essere state messe in vendita e acquirenti che effettuano depositi alle aste solo per poter guadare la macchina prima di ritirarla. Le persone sono attratte dall'insolito, dall'appartenenza e dall'eccentrico! Come per la MINI classica, la MINI moderna attrae quei collezionisti che vogliono possedere la loro parte di storia. Il segno distintivo di una targa Y OBL è un simbolo riconoscibile della storia MINI. Qui sotto sono presenti delle immagini che permettono di riconoscere queste MINI.
  10. Matte 6464

    Traki

    In origine (ontano 2003) era una normalizzima Cooper Velvet red con tetto e bonnet bianche..... poi negli anni per via del lavoro diciamo che ha cambiato un po' di abiti...... Qui era alla partenza per il londot to brigton nel 2013 e qui invece decorata da tutti i partecipanti del raduno e ora è in questa versione ma credo ancora per poco.....
  11. Matte 6464

    P0011346.JPG

    From the album: MINI R50-R53

    © megaMINI Club

  12. Matte 6464

    P0006516.JPG

    From the album: MINI R50-R53

    © megaMINI Club

  13. Matte 6464

    P0006517

    From the album: MINI R50-R53

    © megaMINI Club

  14. Sono già rimasto perplesso vedendo Mini R50 in vendita a meno di 2.000 €, ma addirittura vederle in regalo, Passaggio escluso, mi sembra una follia
  15. Salve a tutti. Ho una mini cooper r50 del 2001, acquistata usata un paio di anni fa. Qualche mese dopo l'acquisto si ruppe la pompa del servosterzo e l'ho cambiata con una ricondizionata. Ora a distanza di poco più di un anno si sta rompendo un'altra volta. So che questo problema è stato risolto con il restyling del 2006, per giunta volevo sapere se il problema riguarda la pompa in sé o il modo in cui è stata progettata. Avete qualche indicazione su una buona pompa da acquistare che possa durare nel tempo? p.s. alla concessionaria BMW mi hanno proposto la nuova a 770€ ma senza assicurarmi una migliore durata, ma vorrei evitare una tale spesa Grazie in anticipo
  16. C'è qualche specialista o che comunque conosca l'auto? Mi riferisco alla R50 e comunque metto le mani avanti, eh! Non si sa mai...
  17. Buonasera a tutti ragazzi/e! Ho una Mini R50 One D 1.4 e vorrei cambiare i cerchi che ha di serie (R15). Vorrei mettere dei 16 pollici senza spendere troppo. Cosa mi consigliate?
  18. Salve mi chiamo Gianfranco, sono nuovo nel forum e spero di aver imboccato la sezione giusta per descrivere la ( mia ) soluzione al problema delle plastiche del cruscotto della mia Mini Cooper r50 del 2005. Premetto che questa soluzione ha ALLEVIATO quasi del tutto scricchiolii, vibrazioni della mia Mini, e non sono convinto che, in tutte le altre funzioni ma... Hey meno scricchiolii fanno solo bene alla nostra mente per guidare. Inizio in maniera veloce . *Scricchiolio/ vibrazione cruscotto parte passeggero* 1) aperto la porta del passeggero 2) aperto copertura ,viti cruscotto 3) spessore ( in questo caso un cacciavite ) che faccia leva alla plastica . Ho notato che senza cacciavite muovendo il cruscotto faceva scricchiolii , invece con il cacciavite che fa leva gli scricchiolii sono quasi scomparsi. Provate ! Pazienza e cacciaviti in mano !
  19. Buonasera a tutti,ho trovato su internet questo accessorio su un sito inglese a 40 sterline e volevo sapere se qualcuno di voi ne ha comprato uno e se gentilmente potrebbe postare delle foto di questo articolo poichè sono intenzionato a comprarlo o farlo da me (pubblicando poi un tutorial simile a quello che è presente per creare il divisorio portaoggetti del lato passeggero). Fatemi sapere! Grazie!
  20. Si trova tranquillamente, per esempio su Amazon oppure eBay, vero?
  21. Scusate il disturbo, ho rotto il cambio alla mia mini Cooper r50 e ora non so che fare, non ne trovo di ricambio uguali, o li trovo su internet a prezzi assurdi, ho letto qualcuno che lo ha sostituito con quello della Cooper S ma mi chiedevo cambiando il tipo di cambio quali altri pezzi dovevo sostituire? Secondo voi cosa mi conviene fare? Grazie
  22. ciao a tutti vi riporto la mia esperienza in merito in modo magari da poter evitare a qualcuno il mio stesso problema essendomi stato riferito che è stato riscontrato su moltissime mini prodotte dal 2001 al 2006 con alto chilometraggio, premetto che il mio meccanico di fiducia è un ex meccanico BMW ora in pensione ed appassionato minista veniamo al problema : la sparizione del grasso che dovrebbe essere presente nella coppa che si inserisce nel cambio e che funge da alloggiamento del tripode del semiasse ( sia dx che sx ma piu spesso sul sx ) in pratica del pezzo numero 1 in questa immagine l'estremità di destra quella vicina al numero 7 per intenderci. Potrebbe sembrare di poca importanza ma: spesso il grasso contenuto in questo sistema cuffia/coppa viene a mancare quasi totalmente già entro i primi 80k chilometri e la sua assenza porta all'inizio solo ad una aumentata rumorosità dell'assale anteriore che viene spesso confusa con l'usura dei cuscinetti anteriori ma in casi particolari di surriscaldamento o uso prolungato ( la combo peggiore è un lungo viaggio ad esempio 2000 km in piena estate ) può portare ad un danneggiamento del tripode del semiasse o ad una deformazione interna della coppa che lo alloggia che danno come sintomo alla vettura qualche strappo in accelerazione ( all'inizio del problema ) fino ad una vibrazione ( abbastanza forte ) in una finestra di giri del motore ( ad esempio dai 2000 ai 3000 ) che può essere confusa con una scorretta equilibratura o un cerchio leggermente storto e che porta di conseguenza ad una usura più rapida di tutti i supporti motore e dei silent block . Vi domanderete come sia possibile che il grasso venga misteriosamente a mancare se la cuffia ad esempio è intatta; il mio meccanico ha detto che si tratta di un problema proprio del tipo di grasso che bmw usa ( e continua a dare come ricambio nel kit di sostituzione della cuffia del tripode ) che è differente da quello che invece viene dato per il giunto omocinetico ( che è ottimo ) e che loro quando lui lavorava in officina bmw nel caso di interventi in zona cambio o semiasse sostituivano sempre il grasso originale del tripode con quello originale del giunto omocinetico proprio perché gli era capitato di vederne molte con o il tripode o il suo alloggiamento deformati senza più grasso ma con cuffia e fascette perfettamente intatte. quindi se vi capita di dover fare dei lavori in quella zona della macchina vi consiglio di aprire le fascette della cuffia e di controllare lo stato del grasso perché se vi si deforma tripode o alloggiamento vi tocca cambiare tutto il semiasse e vi assicuro che sono € che partono ... mentre un poco di grasso non costa un tubo. spero di essere stato d'aiuto e di evitare a qualcuno il problema che ho avuto io e che siccome da me sottovalutato per diverso tempo ( un annetto sicuro se non di più ) mi ha portato a dover sostituire oltre al semiasse due supporti del motore, le testine dei braccetti oscillanti ed i silent block anteriori :)
  23. Ciao ragazzi.. sapete dirmi il prezzo dei fanali posteriori originali della mini r50?? Purtroppo non posso passare in concessionaria a chiedere. grazie a tutti
  24. Ciao ragazzi, sono alla ricerca disperata delle plastiche che stanno intorno alle ruote anteriori, non i passaruota, ma quelle plastiche esterne. Forse sono io che sbaglio nella ricerca scrivendo "plastiche" quindi, sapete i codici o potete darmi una semplice dritta su dove trovare questi pezzi? Grazie a tutti anticipatamente!
×
×
  • Create New...