Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'f56'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Blogs

  • MINI people
  • Competition
  • Tounig Kit
  • Events
  • Lancio nuovi modelli
  • Edizioni speciali
  • Film
  • Concept

Forums

  • GENERAL MINI
    • Info generali
    • Novità dalla concessionaria
    • New megaMINI DRIVERS
    • Raduni
    • Concorsi
    • Convenzioni
  • LE CAFFE' MINI
    • Magazine
    • Del più e del meno
    • MINI ritratto
    • Video MINIa
    • MINIsti on tour
    • Fashion MINI
  • MINI GARAGE
    • MINI CLASSIC
    • R50 R52 R53
    • R55 - R56 - R57 - R58 - R59
    • R60 - R61
    • F54 - F55 - F56 - F57
    • F60
    • Gomme
    • Cerchi
    • Cura & Manutenzione
    • Navigatori & palmari
    • Tutorial
    • Video Tutorial
  • Il MINI market
    • Vendo
    • Compro
    • Scambio
    • Aste e-bay

Product Groups

  • Tesseramento Club
  • Tesseramento Club
  • Tesseramento Club
  • Vecchie iscrizioni
  • Pratiche
  • Raduni
  • Stickers
  • T-Shirt
  • Christmas

Categories

  • MkI MkII MkIII MkIV MkV
  • R55 R56 R57
  • R50 R52 R53
  • I stay home
  • Varie

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


MINI


Interests

  1. La MINI Strip è un inno allo stile minimalista e alla creatività essenziale. È un esemplare unico, allestito partendo dalla versione 100% elettrica Cooper SE e firmato da Paul Smith. Lo stilista britannico ha portato tutte le sue idee a bordo della MINI Strip, ponendo l'accento sul carattere ecologico della MINI, che in questo caso va oltre l'alimentazione elettrica. Il nome Strip ricorda che questo processo è iniziato smontando fino all'ultima vite un'esemplare di MINI elettrica e riducendola alla sua essenza, poi Paul Smith è ripartito per creare la “sua” MINI. Ha utilizzato materiali grezzi, la carrozzeria non è verniciata ma è protetta solamente da uno strato di trasparente per preservarla dalla corrosione. I segni delle sigillature della scocca sono stati volutamente lasciati intatti sui pannelli di acciaio zincato, un effetto ruvido che Paul Smith ha definito come "la perfetta imperfezione". Gli archi neri che seguono il perimetro della MINI sono stati stampati in 3D a partire da plastica riciclata, mentre le viti a vista nelle parti aggiuntive, mostrano quanto sarebbe semplice lo smontaggio e quanto facilmente il veicolo potrebbe rientrare nel ciclo delle materie prime al termine del suo utilizzo. Anche gli inserti della grembiulatura anteriore e posteriore sono stati prodotti con un processo di stampa 3D. La griglia e le cover aerodinamiche delle ruote sono realizzati in Perspex riciclato, risparmiando sia peso che energie. Il Perspex riciclato è stato utilizzato anche per il tetto panoramico trasparente che permette di intravedere la struttura in gran parte nuda della scocca all'interno, verniciata di colore blue. Poi ci sono gli accenti cromatici ad alto contrasto che si svelano solo alla seconda o terza occhiata: aprendo le portiere si scoprono le caratteristiche strisce di Paul Smith in una vivace composizione a cinque colori. Lo sportello di ricarica aggiunge un tocco verde neon quando viene aperto, mentre il disegno di una spina elettrica inciso sullo sportello è opera di Paul Smith. L'interno è stato spogliato quasi completamente trasformando la scocca (colorata di blu) nella caratteristica principale dell'abitacolo. Il cruscotto è costituito da un’unica grande sezione semi-trasparente con una finitura in vetro fumé, ma non c'è il classico strumento centrale. Lo smartphone del guidatore è al centro della scena, si connette automaticamente all'auto e diventa il centro di controllo dei media. Inoltre, l'abitacolo è completamente privo di pelle e cromo, con sedili rivestiti in un tessuto a maglia completamente riciclabile. I tappetini, invece, sono in gomma riciclata. Il volante, infine, è stato ridotto all'essenziale, con la corona avvolta da un nastro da manubrio in puro stile bici da corsa( di cui Paul Smith è molto appassionato).
  2. In questo articolo volevo mettere a confronto queste 2 MINI che anche se di epoche differenti, mostrano comunque qualche somiglianza. La prima è la r53 163cv prima reincarnazione BMW della Cooper s, lanciata verso ottobre 2001, ha subito conquistato il pubblico, veloce, agilissima, super divertente unico difetto i consumi. Nel 2014 con la terza generazione di MINI (la F56), sulla Cooper viene montato il 3 Cilindri B38 1.5L derivato da quello montato sulla supercar ibrida BMW i8, 136cv 220nm di coppia (230nm con overboost), la MINI si è allungata di soli 10 cm (rispetto alla R56) e a causa delle norme di sicurezza per i pedoni è diventata più rotonda ma la linea è rimasta comunque molto piacevole e sempre in stile MINI. Sfortunatamente la Cooper F56, non viene presa molto in considerazione come auto sportiva, ma adesso arriva l’asso nella manica Perché ho voluto confrontare queste 2 MINI? Per il semplice fatto che con il tempo anche la Cooper “base” può vantare ottime prestazioni molto simili se non identiche a quelle di una "vecchia" (ma sempre attuale) R53 da 163cv, consumando però la metà, si possono percorrere senza problemi medie di 17km/l in modalità “Green”, grazie al peso ridotto e alla coppia che parte già dai bassi giri. Ovviamente non saranno la stessa macchina, non avranno lo stesso feeling dello sterzo dato che quella moderna ha il servosterzo elettrico e non idraulico, non avranno la stessa forma identica (ma sempre molto MINI), però vi assicuro che è un ottima MINI, provare per credere! e scenderete con un sorriso gigante , praticamente potete avere una piccola auto sportiva con dei costi di gestione abbastanza contenuti e se volete ancora di più potete sfruttare il potenziale di elaborazione del B38 già con uno stage 1 (con pezzi stock, elaborando solo il software della ECU) si ottengono le prestazioni di una F56 S grazie al minor peso, oltre ai vari miglioramenti che si possono fare all'assetto per renderla ancora più bella da guidare... Sotto vi elenco alcuni dati per fare un piccolo confronto.
  3. Buongiorno a tutti avrei un quesito da porvi. Io ho una MINI Jcw F56 del 2018 (maggio per la precisione) e avrei piacere di cambiare la maniglia del portellone dietro e la mascherina per la presa d'aria del cofano anteriore con quelle in stiched carbon. Sono una variante del carbonio normale per intenderci e pensate per la LCI2 credo. C'è un problema: con il mio telaio con combaciano non essendo nemmeno LCI. La domanda è la seguente: Montano lo stesso oppure sono proprio diverse? Chiedo perchè mi è già capitato che per altre cose non te le vendono ma in realtà monterebbero (vedi lo scarico PRO che non lo vendono per questioni omologative ma in realtà se ce lo monti tu calza perfettamente. Vorrei evitare di acquistarli e di non poterle montare. Grazie a chiunque mi possa rispondere
  4. La nuova MINI Cooper F66 a benzina non è un semplice aggiornamento del suo predecessore F56. È una riprogettazione completa della F56 sullo stesso telaio. Ma quali sono esattamente queste differenze e quanto sono importanti? Guardando sotto puoi immediatamente vedere alcune delle piccole modifiche apportate da MINI. Ogni dimensione è cambiata e in modi sorprendenti. Lo sbalzo anteriore e posteriore è stato leggermente ridotto rendendo l'intera vettura più corta. Ma la larghezza è aumentata notevolmente e anche la carreggiata (sia anteriore che posteriore) è diventata più ampia. La F56 Cooper ha una larghezza di 192,786 cm, mentre la F66 è più ampia, con una larghezza di 197,104 cm .Questa differenza di 3,302 cm potrebbe non sembrare molta, ma BMW e MINI in genere non aumentano la larghezza di un'auto solo per ragioni estetiche. E non si tratta solo di ruote e pneumatici più larghi (che sono passati da 205 a 215 sulla Cooper S). Questo cambiamento è dovuto anche al fatto che MINI ha modificato le parti meccaniche creando una carreggiata più ampia. Ciò ha anche il vantaggio estetico di consentire un design delle ruote più sportivo... Anche il bagagliaio è stato modificato, aumentando leggermente di volume. Ciò sottolinea davvero quanto sia stata approfondita questa riprogettazione. Guardando l'immagine qui sopra puoi anche vedere chiaramente come la MINI si è spinta in avanti e ha cambiato anche l'angolazione dei fari. Questo insieme al nuovo cofano e al frontale più semplice. Qua sotto vengono riassunte le dimensioni della nuova MINI Cooper: Lunghezza : 3876 mm Altezza : 1.432 mm Passo : 2495 mm Peso a vuoto : 1,284 Kg Gli Interni Della MINI Cooper F66 Mentre i cambiamenti esterni della F66 possono sorprendere date le origini della F56, gli interni sono decisamente scioccanti. MINI ha trasformato la F56 in un'auto completamente nuova con tutto il linguaggio di design, i materiali e la tecnologia presenti nella MINI Cooper J01. Il cambiamento più grande è il design minimale e l’ampio display circolare che domina l'abitacolo. Il nuovo display e il relativo software rappresentano un punto focale per l'intera esperienza di guida e ospitano quasi tutte le funzionalità, ad eccezione di una fila di interruttori, pulsanti e levette appena sotto di esso. Un altra novità che porta questa nuova MINI è il fatto di non avere la possibilità di avere gli interni in pelle. Perché? Perchè la produzione di pelle nelle quantità necessarie ad aziende come MINI ha un grande impatto ambientale, quindi è stata presa la coraggiosa decisione di eliminare questo materiale dalla produzione.
  5. Ciao a tutti, sono andata a farmi fare un preventivo in concessionaria...tra i diversi accessori, tra cui il cambio automatico, ho voluto inserire anche il VDC e il venditore mi ha detto che per i modelli come la One oppure la Cooper sarebbe inutile, mentre lo consiglia per chi acquista una Cooper S. Secondo voi è vero? Cioè gli ammortizzatori sono abbastanza confortevoli da rendere inutile il VDC?
  6. Queste MINI da rally non sono costruite ufficialmente dalla MINI ma da un azienda esterna che si occupa di costruire auto da rally, e partecipano alle competizioni classe R4 COSA E LA CATEGORIA R4? La classe R4 è la categoria ufficiale FIA a trazione integrale, che è stata recentemente aggiunta alla gerarchia delle auto da rally FIA World Rally per colmare il divario tra le categorie R3 e R2 a trazione anteriore e la classe R5 a trazione integrale. Tutte le vetture della categoria R4 sono dotate di un kit universale omologato FIA composto da un motore 1.6 turbocompresso, una trasmissione tipo R5, sospensioni a corsa lunga e trasmissione integrale. I team potranno acquistare il kit R4 dal fornitore approvato dalla FIA e costruire l'auto R4 di loro scelta. La società francese Oreca è stata selezionata per progettare e fornire il kit FIA per il 2017, 2018 e 2019. Il kit è omologato per i prossimi 7 anni con la possibilità di essere rinnovato due volte per 2 anni ogni volta. È una MINI Cooper F56 a cui viene rinforzato il telaio, montato un motore omologato FIA per la categoria R4 (1.6L turbo), molto simile a quello della R60 WRC, oltre al motore speciale vengono montati, ammortizzatori a corsa lunga, la trazione integrale, e tante altre migliorie per renderla conforme alla categoria. In questa categoria vengono utilizzati dei carburanti sintetici che abbattono le emissioni del 85% circa quindi oltre a divertirsi si salva anche l’ambiente.
  7. Ciao a tutti, dato che ho da poco sostituito dischi, pastiglie e sensore freno della mia MINI Cooper SD F55, ho pensato fosse cosa buona e giusta fare una guida così che anche qualcuno con una buona manualità e gli attrezzi giusti possa fare il lavoro a casa. Prima di tutto ci tengo a precisare che NON SONO UN MECCANICO DI PROFESSIONE (disclaimer in fondo al post), ma alle spalle ho qualche anno di esperienza di manutenzione di auto e moto e ho avuto dei validi insegnamenti. Quindi, se qualcuno più "sgamato" di me conoscesse un modus operandi migliore, scriva pure un commento qua sotto così possiamo imparare tutti a fare al meglio questa manutenzione di routine! Inizio con il materiale acquistato: ho deciso di montare un kit Brembo consigliato da un rivenditore della mia zona. Qua sotto i codici prodotto: Dischi lisci Brembo: 09C34911 Pastiglie Brembo: P06092 Sensore usura Brembo: A00509 Dunque, per questa sostituzione non ho utilizzato il carro ponte, è comodo lavorare anche con un cric idraulico e una colonnetta di sicurezza dato che non bisogna fare chissà quali particolari operazioni. IMPORTANTE: se avete rabboccato l'olio freni, prestate particolare attenzione perchè, schiacciando il pompante per inserire le nuove pastiglie, molto probabilmente si verificherà una fuoriuscita di liquido dalla vaschetta e, visto che l'olio freni non è il massimo che fluisca libero nel vano motore, è il caso che togliate una piccola quantità d'olio dalla vaschetta (con una siringa grossa in genere ce la si fa). Controllate sempre il livello quando avete terminato una ruota e passate all'altra e a lavori ultimati. La vaschetta si trova nel vano motore; sotto il parabrezza lato guida, appena dietro il duomo, c'è una protezione che si toglie con un cacciavite piatto e una chiave (se non sbaglio) da 10 (vedi foto). Prima di tutto fermate la vettura in un luogo in piano, freno a mano e marcia inserita, allentate i bulloni ruota lato guida, alzate la vettura e rimuovete la ruota. Non è necessario smontare la pinza dal supporto in caso di cambio disco+pastiglie perchè, dovendo smontare il supporto pinza dal mozzo per rimuovere il disco, si riuscirebbe a sfilare le pastiglie usurate senza problemi; inserisco comunque queste operazioni nel caso qualcuno debba cambiare solo le pastiglie e il sensore usura. Dunque, iniziamo. 1. Sfila il sensore dalla pastiglia usurata per non avere imbrogli di sorta. 2. Svita il bullone indicato con chiave 13, tieni fermo il perno di guida con chiave 17 e libera la pinza dal supporto. NB: non serve svitare tutti e due i bulloni che fissano la pinza al supporto, io riesco a cambiare tutto svitando solo quello inferiore. Se comunque si vuole essere più comodi si possono rimuovere entrambe. 3. Solleva la pinza verso l'alto facendo attenzione a non piegare troppo il tubo idraulico. 4. Comprimi il pompante con l'attrezzo apposito (oppure usa un morsetto ma fai attenzione alla protezione a soffietto dello stelo del pompante). 5. Sfila le pastiglie usurate. 6. Svita i due bulloni di fissaggio del supporto pinza con una 18, possibilmente una bussola esagonale così da non rovinare l'esagono e fissa la pinza alla molla dell'ammortizzatore con due fascette temporanee almeno non dà fastidio mentre sostituisci il disco e non pieghi il tubo idraulico. 7. Svita il bullone di blocco del disco con una brugola da 6 e sfila il disco dal mozzo. 8. Ora che senza disco abbiamo spazio, sostituisci il sensore. Svita il bullone con una chiave da 8 e sgancia con attenzione la clip. Nella foto puoi notare che la clip è composta di un perno e una parte che lavora in espansione e blocca il tutto. Con un cacciavite piatto, (o con l'attrezzo apposito se ce l'hai), cerca di fare leva con delicatezza finchè il perno si solleva e permette all'altra parte di liberarsi, allentando la presa sulla lamiera sottostante. 9. Sotto il passaruota vedrai questi due connettori, sgancia dal supportino in plastica il giunto nero e grigio, solleva leggermente la clip di blocco e scollega le due estremità. Ora sostituisci il sensore vecchio con il nuovo e riposiziona il giunto nel suo supportino. 10. Ora io ho porovveduto a verificare che il sensore fosse a posto resettando l'errore del C.d.B. Per fare questo sono dovuto salire in macchina però fai attenzione: io in casa ho e utilizzo un cric idraulico GROSSO e STABILE (mio nonno lo utilizzava per i camion) e in genere, se non sono di corsa, posiziono sempre anche una colonnetta di sicurezza (è un di più ma non si sa mai). Se usi un cric piccolo fai il reset alla fine di tutto, quando hai già montato la ruota e l'auto è a terra, almeno non rischi nulla. Il reset dell'avviso nel C.d.B. si esegue così (incollo la guida che ho seguito e aggiungo le foto del tachimetro): A. Accendere il quadro B. Premere e tenere premuto il pulsante dei km in basso a destra sul tachimetro C. Attendere 10 secondi, apparirà sullo schermo in ordine di priorità le voci di servizio da ripristinare D. Scorrere il menù premendo il pulsante dei km e selezionare il reset richiesto E. Premere e mantenere premuto il pulsante dei km per circa 3 secondi F. Rilasciare il pulsante G. Apparirà sul display la voce "Effettuare reset?" H. Premere e tenere premuto di nuovo il pulsante dei km per circa 3 secondi per avviare la procedura. I. Voce di servizio ripristinata, se necessario procedere alla medesima maniera per ripristinare le altre voci dei service 11. Il sensore funziona, quindi possiamo montare il resto. Lava con diluente nitro oppure benzina il disco nuovo per eliminare l'olio di protezione; mi pare inutile dire che questa cosa sia da fare non bene ma BENISSIMO. Asciugalo e dagli una soffiata con aria compressa così non ci sono depositi nei canali di ventilazione. 12. Spazzola con una spazzolina di ferro oppure passa la carta vetro fine sul mozzo per eliminare eventuale ruggine e poi posiziona il disco, fissandolo con la brugola da 6 (nel pacco brembo c'è una vite nuova per ogni disco, meglio usarla!). 13. Taglia le fascette provvisorie e fissa di nuovo il supporto pinza al mozzo con la chiave da 18; io ho messo un goccio di frenafiletti medio sul filetto e ho chiuso i due bulloni con la dinamometrica tarata a 110Nm. 14. Posiziona le nuove pastiglie (mantieni quella con la scanalatura del sensore verso l'interno). 15. Inserisci sensore e molletta con il dentino verso il disco (vedi foto). 16. Avvita il bullone oppure i due bulloni (vedi passaggio 2) con chiave 13, tieni fermo il perno di guida con chiave 17 e blocca la pinza sul supporto. Questi bulloni sono forniti con le pastiglie e hanno già il frenafiletti, se manca è buona norma metterne un goccio. Se hai tolto un solo bullone come fa il sottoscritto, verifica comunque il serraggio dell'altro. Et voilà, freno lato guida ok. Per il lato passeggero esegui le stesse operazioni tranne per quanto riguarda il sensore, c'è solo dal lato guida. SUPER-IMPORTANTE: quando hai rimontato tutto (se avete i cerchi in lega chiudete i bulloni ruota a 130-140Nm) controlla il livello olio freni, sali in auto, metti in moto e a vettura ferma schiaccia il pedale del freno finchè ritorna alla sua corsa abituale. Questa operazione consente di avvicinare le pastiglie al disco, se non la fai chiaramente le pastiglie non toccano il disco e l'auto NON FRENA! Dopo aver fatto questo, controlla per l'ultima volta il livello liquido freno, nell'eventualità rabbocca, rimonta la protezione e l'auto è a posto. Sarebbe meglio fare sempre un pò di rodaggio all'impianto, fai qualche frenata in un piazzale per stabilizzare l'impronta della pastiglia sul disco ed evita di surriscaldare l'impianto nei primi km. Ad oggi ho percorso 1400km da questa sostituzione e non riscontro alcun problema. Buon Lavoro! Disclaimer: questo post contiene solo raccomandazioni generali che possono esserti utili quando esegui lavori di riparazione o sostituzione. Il sottoscritto non è responsabile per eventuali perdite, lesioni, danni di proprietà acquisiti nel processo di riparazione, sostituzione, uso scorretto o errata interpretazione delle informazioni fornite. Il sottoscritto non è responsabile per eventuali errori o incertezze presenti in questa guida. Le informazioni fornite sono solo a scopo informativo e non possono sostituire la consulenza di specialisti, in poche parole se sei incerto AFFIDATI AL TUO MECCANICO DI FIDUCIA.
  8. La MINI JCW Challenge Edition, possiede alcune personalizzazioni tecniche - come il sistema di scarico con valvola a farfalla John Cooper Works Pro con comando Bluetooth 4.0 - e da ferma raggiunge i 100 km/h in soli 6,1 secondi, grazie a 231 CV e 320 Nm di coppia. Arriva a 246 km/h ed ha un rapporto peso/potenza di 5,5 kg/CV. La MINI John Cooper Works Challenge Edition “numero 00” rimarrà di proprietà di MINI Italia, mentre gli altri esemplari della serie limitata (in totale 35) saranno nelle Concessionarie MINI a partire dalla seconda metà di maggio ad un prezzo ancora da comunicare. Il look esalta il mondo John Cooper Works La MINI Challenge Edition di certo non passa inosservata, con i paraurti anteriori e posteriori in rosso, dettagli che sono stati studiati per evidenziare le caratteristiche proprie della John Cooper Works, ad esempio sul tetto la classica Union Jack è stata ripensata in una tonalità rosso su rosso in negativo. Il nero invece è stato usato per la calandra anteriore e le cornici decorative per i gruppi ottici anteriori e posteriori. Infine, per richiamare il mondo delle competizioni sulla portiera lato guidatore c’è il numero progressivo bianco in doppia cifra con cornice nera. Gli interni sono in pelle con sedili sportivi John Cooper Works e come ogni serie limitata che si rispetti c’è una targhetta (stavolta in alluminio spazzolato) sulla plancia lato passeggero che riporta la numerazione (numeri da 01/37 a 37/37, saltando i numeri 13/37 e 17/37). Suona un’altra musica Il look sportivo è completato dalla presa d’aria del cofano in carbonio JCW Pro, dal sistema di scarico, dai terminali in carbonio e dallo spoiler paraurti anteriore con Black Band anteriori stampate a iniezione, mentre il diffusore posteriore è realizzato in poliuretano. Ma le personalizzazioni tecniche riguardano soprattutto il sound. Sulla MINI John Cooper Works Challenge Edition c’è il sistema di scarico con valvola a farfalla John Cooper Works Pro con comando Bluetooth 4.0 che ne enfatizza il carattere sportivo con le modalità Sport e Track. La prima è omologata per l’uso stradale, mentre la seconda è riservata ai circuiti.
  9. Cambia la Safety Car della Formula E: da BMW i8 Coupé a MINI Electric Pacesetter Il design del veicolo è ispirato dalla MINI GP per quanto concerne i passaruota adattati alla carreggiata della vettura e la parte anteriore con ulteriori splitter anteriori a sinistra e a destra. Considerato che praticamente non è necessario il raffreddamento del sistema di propulsione attraverso la zona superiore della griglia, la parte anteriore è in gran parte chiusa per favorire l'aerodinamica. Le uniche eccezioni sono la zona sotto la griglia e le aperture, quasi squadrate, per il raffreddamento dei freni. Diverse parti della MINI Electric Pacesetter sono state realizzate con moderne tecniche di Stampa 3D. Il prominente alettone posteriore montato sul tetto con flusso d'aria e accenti in giallo integra anche il gruppo ottico di segnalazione ed è stato stampato in 3D presso lo stabilimento di Oxford. Un altro punto di forza sono i cuscinetti rimovibili sul sedile sportivo, anch'essi stampati in 3D. Il peso è un altro elemento cruciale per un veicolo con velleità sportive come deve essere una Safety Car, chiamata a viaggiare a velocità molto elevate per non danneggiare lo stato degli pneumatici delle vetture in competizione. Il peso in ordine di marcia è di circa 1.230 kg, ovvero circa 130 kg più leggera della MINI Cooper SE standard. Anche il sistema di propulsione è basato sulle soluzioni adottate per la MINI Cooper SE standard. Si tratta, ovvero, di un motore elettrico che produce 135 kW e 280 Nm, che permette alla MINI Electric Pacesetter di da 0-100 km/h in 6,7 secondi e da 0-60 km/h in 3,6 secondi. Abbiamo, poi, sospensioni coilover da corsa a tre vie regolabili in estensione, compressione, altezza e campanatura. Gli attacchi dei bracci di controllo delle sospensioni da corsa, più i freni a quattro pistoni e le ruote della MINI John Cooper Works GP con pneumatici Michelin Pilot Sport (misura 245/40 R18) completano il pacchetto complessivo. Questi sono gli stessi pneumatici montati sulle ruote anteriori delle auto da corsa di Formula E. La MINI Electric Pacesetter debutterà come Safety Car in occasione dell'E-Prix di Roma il 10 aprile 2021, secondo evento (Gara 3) della stagione 2021 della Formula E. Al volante ci sarà il pilota ufficiale della FIA Formula E Safety Car Bruno Correia. Ricordiamo che gli organizzatori dell'E-Prix di Roma e la FIA hanno recentemente annunciato un doppio appuntamento a Roma per la Formula E: subito dopo la gara di sabato 10 aprile, ci sarà quella di domenica 11, che costituirà il Round 4 del campionato.
  10. Vendo MINI F56 COOPER S 2.0 cc turbo Benzina cambio manuale Immatricolata 18/03/2015 Unico proprietario Km:52000 Colore esterno Midnight Black metallizzato Accessori: KIT Aereo Esterno JCW PRO Baffi anteriori JCW PRO ,minigonne laterali, estrattore posteriore JCW PRO con PDC,spoiler posteriore JCW con alette JCW PRO Stage 2 Mappa Mariani Engineering Catalizzatore Downpipe 200 celle, Intercooler maggiorato Airtec, filtro a pannello Bmc Impianto frenante JCW PRO: dischi freno ant. 335x30 mm forati e scanalati completi di 2 pinze ant. e 2 pinze post con Tubi HEL Performance in treccia Scarico JCW PRO Tuning con valvola con finalini in carbonio originali JCW PRO Assetto JCW PRO regolabile in altezza (da 10 mm a 30 mm) Volante JCW PRO Alcantara - targhetta JCW in carbonio Cerchi OZ leggera HLT 18" Colore: Gloss Black Pneumatici Yokohama ADVAN FLEVA (V701) 205/40/18 Fari posteriori Union Jack originali MINI Frecce laterali JCW LCI2 Pomello cambio e cuffia JCW Pedaliera acciaio F56 JCW Anello JCW schermo navigatore 8.8 pollici Mappe Navigatore aggiornate Road Map Europe NEXT West 2023-2 Kit decrhome PIANO BLACK originale MINI: cornici nere fari ant. e post. maniglie nere, e tappo serbatorio nero, maniglia portellone posteriore nero Kit barra posteriore acciaio rossa + rete + pianali per rimozione sedili posteriori. Consegno i componenti originali stock della vettura.(Impianto frenante - Assetto - Catalizzatore - Intercooler - sedili posteriori) Revisionata Marzo 2023 Bollo pagato per tutto il 2023. Richiesta 21000 €
  11. Vendo set di 4 Cerchi Cup spoke 2-Tone 509 Canale 7J x 18" ET54 5x112 Vendo a 200 € Per vetture con impianto frenante pinze JCW PRO presentano graffi da marciapiede durante i parcheggi in uso quotidiano sui bordi come da foto, i cerchi sono dritti. completi di bulloni antifurto + chiave, coprimozzi MINI JCW originali Abito in provincia di Firenze NON SPEDISCO, CONSEGNA A MANO, PAGAMENTO IN CONTANTI
  12. Vendo Kit realizzato dalla HELIX volano monomassa più leggero di 3,8kg e frizione rinforzata in grado di gestire 500Nm di coppia, SOLO per MINI F56 Cooper S & JCW Kit come nuovo percorsi circa 500 Km il prezzo di listino è di 1.330 € lo vendo a 600 € Abito in provincia di Firenze. NON SPEDISCO, CONSEGNA A MANO,PAGAMENTO IN CONTANTI.
  13. Scoma

    Filtro aria F56

    Ciao a tutti, ho una MINI F56 turbo benzina. Adoro il sound della turbina e volevo sostituire il filtro aria per amplificare questo. Volevo sapere, in caso sostituisca il filtro originale con un filtro conico, se è necessaria la rimappatura. Grazie
  14. Ciao a tutti, la scorsa settimana mi ha chiamato Mini per fissare un appuntamento al Service per il controllo dell'olio dei freni. Nel check degli interventi di manutenzione infatti è comparso un triangolo arancione in corrispondenza del controllo dopo i 3 anni dell'olio dei freni. Ma che controllo bisogna fare? Ne sapete nulla? Quanto costa? Grazie a tutti Ciao Massi
  15. Vendo Frecce laterali anteriori per F56 JCW (Side Scuddles) Prezzo 50 € Abito in provincia di Firenze NON SPEDISCO, CONSEGNA A MANO, PAGAMENTO IN CONTANTI.
  16. Ciao a tutti, ho letto un po' di discussioni in merito al suono sommesso delle JCW 2020 con OPF. In effetti anche la mia è un luglio 2020 e non si sente un rombo tipico delle Mini con scarico aperto o pro. Un preparatore mi dice che non si può cambiare il centrale a cuor leggero né tantomeno rimappare la centralina sui modelli così recenti dotati di filtro antiparticolato. Premesso che non voglio cambiare lo scarico, cosa potrei fare e a chi potrei rivolgermi in Lombardia per aumentare il sound e possibilmente gli scoppiettii in rilascio? Potrebbe aiutare un filtro sportivo accompagnato a qualche altro intervento? Sulla mia precedente Cooper S il BMC rendeva il sound più cupo...
  17. Ciao a tutti sono nuovo del forum e volevo chiedere se qualcuno conosce il modello di questi cerchi da 18 , perché sto veramente impazzendo; ho preso da poco il mezzo e non riesco a trovare da nessuna parte qualche info di più su sti cerchi che monta . grazie in anticipo a chi mi risponderà
  18. Ciao a tutti sono nuovo del forum e volevo chiedere se qualcuno conosce il modello di questi cerchi da 18 , perché sto veramente impazzendo; ho preso da poco il mezzo e non riesco a trovare da nessuna parte qualche info di più su sti cerchi che monta . grazie in anticipo a chi mi risponderà
  19. stefus

    MINIS.jpeg

    L'incontro di due naftoni @LucasCooper
  20. stefus

    MINIS.jpeg

    L'incontro di due naftoni @LucasCooper
  21. Salve a tutti , Sono felice possessore di mini f56 S allestimento Jcw il codice motore è B48m , volevo sapere cosa cambiava tra la S e la JCW a livello di turbina , intercooler , pistoni bielle ecc . Ho rovistato un po' su Google ma non riesco a capire perfettamente
  22. Il bracciolo lo ho dovuto configurare , anche se non lo avrei mai voluto , perchè all'interno di un pacchetto accessori . Il configuratore 2021 è assurdo , se desideri un colore deve acquistarla con decine di optional che non ti interessano . Dopo tre mesi non lo sopportavi più , di impiccio sia alzato che abbassato . Ho acquistato console centrale per versione senza bracciolo codice 51 16 9 266 622 e mi sono avventurato nello smontaggio e sostituzione console centrale. Devo dire abbastanza complesso . Per fortuna avevo trovato tutorial da un forum americano e officina BMW mi dato indicazioni per smontare pomello cambio doppia frizione. Questa è stata la parte + complessa e critica . Occorre scollegare prima guida cavi ( colore bianco ) e poi morsettiera stando attendo a non danneggiare nastro cavi . Una volta scollegato tutto basta tirare pomello come fosse un cambio manuale. Se tiri pomello prima di avere scollegato morsetto rischi di strapparli . Adesso l'auto mi sembra molto + spaziosa . Risparmiati pure tre chili di peso.
  23. Tolo

    Spoiler upgrade

    Buongiorno a tutti, dopo la mappa ho deciso di mostrare anche “esternamente” il nuovo carattere della mia mini montando lo spoiler posteriore della Cooper s
  24. Ciao possiedo una Mini One 3 p, con motore twinair 1.2 102cv. Come da titolo vi scrivo per chiedervi un informazione, ieri mi sono recato dal meccanico di fiducia per eseguire tagliando con sostituzione olio motore, filtro olio motore e filtro benzina (filtro aria sostituito con uno lavabile personalmente), il meccanico con me presente ha praticamente smontato tutta la parte inferiore dell’auto anteriore e posteriore, senza però trovare il filtro della benzina. Dopo il lavoro non trovandolo mi spiega che è possibile che la macchina non abbia il filtro benzina. È mai possibile che l’auto non ha il filtro della benzina?? grazie per le preziose info a chi risponderà
×
×
  • Create New...